sabato 19 gennaio 2013

Pasta rosa al pesto verde di Aurora

pasta rosa

Pesto di pistacchi

Un pugno di pistacchi sbucciati (nella foto ce ne sono di più)
20 g di pinoli tostati
un pugno di foglie di basilico
un pugno di parmigiano grattugiato
1 spicchio d'aglio (se piace)
pepe
sale (attenzione evitare se i pistacchi sono già salati)
olio exv (quello della foto è calabrese sotto mentite spoglie) q.b.
1 cubetto di ghiaccio (io ho usato il basilico congelato)

Tutto tritato nel mixer aggiungendo l'olio exv necessario. Il ghiaccio serve a tenere il pesto verde.
Alla fine ho aggiunto 60 g di ricotta e ho di nuovo mischiato tutto.

Polpettine saporite di Gebo

- 150 g manzo macinato
- 150 g maiale magro macinato
- 150 g mortadella macinata
- mezza tazza di parmigiano
- una tazza di pangrattato
- un uovo
- un paio di etti di formaggio (caciotta, asiago) tagliato a dadini piccoli

Nell'impasto aggiungo spesso la polpa di una melanzana cotta al MO e poi tritata bene, o due carote tritate, le coste dure e bianche delle bietole tritate sottili (si mimetizzano e i figli non se ne accorgevano di mangiare verdure...) o gli spinaci lessati e tritati per farle diventare tutte verdi

Se aggiungete le verdure si deve aggiungere un po' di pangrattato in piu'

Procedimento: impastare il tutto, fare dei rotolini di impasto e tagliarli come si fa per gli gnocchi (piu' o meno della stessa dimensione) cosi' da fare rapidamente le polpettine piccole. Inserire al centro di ogni polpetta un dadino di formaggio controllando che la pallina sia ben richiusa sopra. Mettere le palline in una ciotola con pangrattato e rotolarcele dentro.

Congelare su dei vassoi e poi trasferire nei sacchetti

Cuocere le polpettine ancora congelate al forno ventilato (senza olio) o in padella con un filo d'olio: quando il formaggio fuso comincia a fuoriuscire sono ben cotte

Salmone con riso alla cannella di Valentina

Ingredienti:
- salmone in tranci assolutamente ben pulito, senza lische grandi e senza pelle
- riso a chicco lungo tipo indiano o basmati (sciacquato sotto l'acqua corrente)
- ghee (o burro ma la ricetta originale vorrebbe il ghee)
- cipolla tritata
- cannella in polvere
- cardamomo (io non ce l'avevo ed è venuto uperrimo lo stesso)
- creme freche o panna acida

Pulire bene i tranci di pesce come indicato e farne dei trancetti (io ho fatto 1 trancio e testa che poi ne vengono 2 metà una volta pulito) e cuocerli in forno possibilmente con COTTURA DELICATA/ A BASSA TEMPERATURA per 30'. Se non avete questa funzione cuoceteli al vapore.
In un tegame antiaderente scaldare il ghee e la cipolla tritata, aggiungere sale, pepe e cannella. Aggiungere il riso (ben sciacquato sotto l'acqua corrente) e saltarlo fino a che diventa lucido. Coprire con acqua fredda e cuocere fino a che si assorbe del tutto, circa 15'.

Servire insieme e, possibilmente, accompagnare il pesce con creme freche o panna acida.

Conchiglioni svuotafrigo di Rosetta

per 25 conghiglioni ripieni

1/2 kg di conchiglioni (quelli rotti li utilizzo domani per una pasta normale)
1/2 kg spinaci surgelati
100 g pancetta affumicata a cubetti
60 g speck
60 g coppa
2 costtilette kraft
1 uovo
100 g formaggio montasio grattugiato
sale e pepe q.b.
3 spicchi d'aglio tolti prima di frullare il ripieno.
Poco burro e olio per gli spinaci
besciamella
burro q.b.
farina q.b.

Lessare i conchiglioni per 15 minuti circa, scolarli, raffreddarli sotto l'acqua fredda e capovolgerli sopra un canovaccio per svuotarli dall'acqua.
Scongelare gli spinaci con poca acqua.
Scolarli, schiacciarli per privarli completamente dell'ascqua in eccesso e tritarli.
In un tegame sciogliere il burro nell'olio, unire la pancetta e l'aglio e lasciarli rosolare finchè la pancetta inizia ad arrossire.
Aggiungere gli spinaci e lasciarli amalgamare per bene, salare, pepare e togliere l'aglio.
Versarli nel robot con lo speck, la coppa, le sottilette, l'uovo, il formaggio grattugiato e impastare tutto.
Volendo il ripieno si può lasciare riposare e intanto preparare la besciamella.
Versare un pò di besciamella sul fondo delle tegliette usa e getta, riempire i conchiglioni con il ripieno e appoggiarli nelle teglie.
Coprire la superficie dei conchiglioni con la besciamella tenuta un poco liquida e infornare per una buona mezz'ora coperti con un foglio di carta stagnola.

Gnocchi alla francescana di Silvia

250 gr semolino
250 gr ricotta
8 cucchiai di grana
rosmarino
sale
1 lt di acqua
burro


scaldate l'acqua e portatela a bollore, salate e versate a pioggia il semolino.
cuocete per 11 minuti a fuoco medio.
Nel frattempo mescolate la ricotta al grana gratuggiato.
A cottura del semolino unite il composto di ricotta e grana.
Lasciate raffreddare.
Ungete le mani con il burro e formate delle palline con il composto
mettetele in una pirofila con ciuffi di burro, rosmarino tritato e grana
Mettete tutto in forno fino a doratura.

La versione per celiaci e perfettamente uguale ma fatta con farina bianca di mais.
E' altrettanto buona.

Torta di amaretti caramellati di Maria


anzi, torta di teresa, amica di maria
15 savoiardi
15 amaretti
7 cucchiai di zucchero +2
Mezzo lt, di latte caldo
3 uova
2 cucchiai di cacao amaro

Riscaldate il forno a 180gr,
Con i 2-3 cucchiai di zucchero e un po di acqua caramellate lo stampo e lasciatelo da parte
Montate a neve I, 3 albumi, lasciateli da parte
Sbattere I rossi con lo zucchero, lasciarli da parte

Nel robot o mix frullate; amaretti savoiardi cacao, trasferitele in una ciotola, unitevi il latte caldo, le uova, sbattere il composto, con la frusta per 30 secondi
Rovesciate la miscela nello stampo gia preparato con il caramello
Infornate la torta per 35minuti , rovesciatela su un piatto di portata quando e’ ancora tiepida, servitela con un ciuffetto di panna montata e fragole

Ricotta al forno di Rosetta

per 2 porzioni

2 cestellini piccoli di ricotta
1 cestellino medio di ricotta
1 manciata di uvetta Ventura, quella grande
buccia di limone grattugiata a piacere
1 uovo
1/2 cucchiaino di Vaniglia Burbon

Scolare per 1 oretta la ricotta, per farle uscire più siero possibile.
Metterla in una terrina con tutti gli altri ingredienti e mescolare sino ad ottenere un composto omogeneo.
Versarlo in una ciotola adatta al forno.
Inserire nel forno caldo a 180° per 1 ora e mezza, quando la ricotta si è asciugata ed inizia a fare la crosticina.

Biscottini con gocce di cioccolato bianco di MriaPia


370g di farina 00
130g di burro morbido
8 cucchiai di zucchero
2 uova
1/2 bacca di vaniglia
50g di gocce di cioccolato bianco
un pizzico di sale
1/2 bustina di lievito S.Martino

Mettere nel ken , frusta a foglia, la farina con il burro a cubetti, fare sabbiare, aggiungere lo zucchero , le uova e gli altri ingredienti, in ultimo le gocce di ciocccolato, si forma un impasto omogeneo.
Portare sulla spianatoia e compattare a mano.
L'impasto non è appiccicoso, si stende con il matterello e si formano i biscottini

Forno ventilato a 180° x 10 minuti

lunedì 7 gennaio 2013

Involtini primavera imperiali di Daniela

Dal mio viaggio in Vietnam ho riportato le sfoglie di riso per preparare gli involtini e oggi ho deciso di farli. Mi sono documentata su libri di cucina cinese e su siti di cucina vietnamita e ho deciso di preparare questi. Si dice che si chiamino imperiali perchè è presente la carne e una volta la carne di maiale era presente solo nelle mense imperiali.


Ingredienti: per 18 involtini
18 sfoglie di riso rotonde
filetto di maiale gr. 250
un piccolo porro - due carote medie - un quarto di cavolo verza o cavolo cinese - un barattolo di germogli di soia - una matassina di spaghettini di riso - sale - salsa di soia forte - olio di soia o di arachide per friggere.

Tagliare a filettini la carne. Ridurre a filetti anche il porro, le carote e il cavolo, ben mondati e lavati. Mettere in una ciotola gli spaghettini di riso spezzettati, coprirli di acqua tiepida e lasciarli così sino al momento di usarli. Versare nel wok una cucchiaiata di olio di soia e far rosolare il porro badando che non bruci, poi aggiungere le altre verdure a filetti e i germogli di soia ben scolati, salare e mescolare bene, lasciando cuocere 5 minuti. Scolare e strizzare gli spaghettini e aggiungerli al composto, mescolandoli velocemente. Spegnere il fuoco e trasferire il ripieno in una ciotola affinché si raffreddi. Preparare sul tavolo un piatto fondo con acqua fredda e un canovaccio con sopra della carta forno. Passare velocemente una sfoglia nell'acqua, metterla sulla carta forno, porvi sopra una cucchiaiata di ripieno, piegarvi sopra un lembo della sfoglia poi fare due pieghe laterali così che il ripieno non esca; arrotolare e mettere sul un vassoio ricoperto con altra carta forno. Completare tutti gli involtini. Lavare e asciugare il wok, mettervi l'olio per friggere, farlo scaldare e appena pronto friggervi gli involtini, tre/quattro alla volta, sino a quando saranno coloriti e croccanti. Scolarli e servirli con salsa di soia.

cake salato al pesto di Gisella



X un cake o 12 muffins

250 g farina 0
1 bustina lievito Pizzaiolo per torte salate
2 uova grandi
40 g olio extravergine di oliva
80-100 g prosciutto cotto a dadini
120 g Emmentaler (o Asiago, o Leerdammer) tritato grossolanamente nel mixer
2 cucchiai di parmigiano o grana grattugiato
120-130 g di pisellini lessati
2 cucchiai di pesto genovese
240 g latte
sale e pepe q.b.

Mettere in una ciotola la farina, il lievito, il prosciutto, i formaggi ed il sale. Mescolare. In un'altra ciotola battere con la frusta le uova con l'olio e il latte. Aggiungere i 2 cucchiai di pesto. Amalgamare bene. Versare il composto liquido nella ciotola con la farina, mescolare brevemente fino ad ottenere un impasto morbido. Unire i piselli.
Versare l'impasto in una teglia da cake (anche sei in questo caso ho usato una teglia rotonda) o negli stampi da muffins aiutandosi, in questo caso, con un cucchiaio o un mestolino, riempiendo ogni stampino per metà circa e infornare a 180° per 20/30 minuti.

Il cake (in questo caso più torta salata, in quanto a teglia...):

sabato 5 gennaio 2013

Tortina di pure' di Rosetta





per 2 porzioni

Purè avanzato (per 1 porzione e 1/2)
1 uovo
4 cucchiai di montasio grattugiato
2 caprini
2 cucchiai di pane grattugiato
1 cucchiaino di farina

60 g prosciutto crudo
1 scalogno

Versare il purè in una terrina insieme all'uovo, il formaggio, i caprini, il pane grattugiato, la farina e mescolare accuratamente per amalgamare tutto in modo omogeneo.
In uno stampo da plumcake inserire un foglio di carta da forno bagnato e strizzato molto bene.
Versare nel contenitore metà purè, livellarlo bene e sopra stendere il prosciutto e lo scalogno affettato molto sottilmente.
Coprire con il rimanente purè, livellarlo bene e infornare nel forno caldo a 190° per 45 minuti circa.

Marbré di coniglio di Daniela



Ingredienti:
un coniglio disossato – pari peso di filetto di maiale – una bella fetta di lardo alta un dito (o metà pancetta e metà prosciutto cotto) – sedano – carota – cipolla – una foglia di alloro – erbe aromatiche a piacere (timo, maggiorana, alloro) – noce moscata – vino rosso generoso – burro - colla di pesce: 20 gr. ogni kg. di carne - sale – pepe – pistacchi se piacciono.

Lavare e asciugare il coniglio, tagliare a cubetti; fare altrettanto con la carne di vitello e con il lardo. Mettere il tutto in un capace recipiente di vetro, unire l’alloro, la cipolla intera, la carota e una costa di sedano a pezzetti, le erbe aromatiche in un sacchettino di tela e una grattata di noce moscata, poi coprire con il vino rosso, chiudere il contenitore e tenerlo in luogo fresco per 48 ore. Trascorso questo tempo levare la cipolla e tritarla poi farla rosolare in una noce di burro aggiungendo poi la carne e le verdure scolate dalla marinata tranne le erbe aromatiche. Far prendere colore, indi cuocere sfumando via via con la marinata; salare e pepare e portare a cottura badando che rimanga poco liquido di cottura. Levare carni e verdure e porle in una ciotola. Far sciogliere la colla di pesce nel liquido di cottura rimasto e versarla sulle carni e verdure, mescolandole bene. Porre il tutto in uno stampo a cassetta (a questo punto se piacciono si possono distribuire nella preparazione alcuni pistacchi spellati), coprire con un doppio stato di carta metallizzata, porre sopra allo stampo un peso e tenere in frigorifero per una notte intera. Si serve tagliato a fette come un salame, accompagnando con un’insalatina verde.

venerdì 4 gennaio 2013

Frittata dolce di mele di Cicapui

Sbucciare una grossa mela (qualunque tipo usiate per la torta di mele va bene) e tagliarla a pezzetti piccoli
Sbattere tre uova con tre cucchiai di zucchero e aggiungere un po' di buccia di limone grattugiata e unire i pezzetti di mela.
Nella padella da frittata sciogliere un po' di burro e cuocere la frittata da una parte e dall'altra.
Mettere la frittata in un piatto e al momento di servirla cospargere di zucchero a velo.
Volendo si può aggiungere un cucchiaio di rum, ma io di solito la preparo per i bambini e faccio senza

Verza ai ferri di Rosetta

per 1 porzione

1 fetta di cavolo verza alta 1 dito
sale grosso
sale e pepe q.b.
olio

Appoggiare la padella per cuocere ai ferri sul fuoco.
Sparpagliare un poco di sale grosso e quando questi inizia a saltellare, appoggiare sopra la fetta di verza e cuocerla 10 minuti da una parte e 10 minuti dall'altra.
Trasferirla su un piatto caldo, salare con sale fine se necessario, pepe macinato al momento e un filo di olio.

Marmellata di nespole di Maria


Ingredienti:
per ogni chilo di frutto di nespole, cioe' snocciolate e sbucciate,
1 mela,sbucciata e a pezzzetti 600 gr. di zucchero e mezzo lt. di acqua.
il succo di un limone,

metto a bollire la frutta lentamente in una pentola con l’acqua, per circa mezz’ora,
poi li frullo con il frullatore a immersione

rimetto il passato sul fuoco con lo zucchero la faccio bollire lentamente per un altra mezz'ora.
quando credo che sia pronta facendo la, ''prova cucchiaio'' aggiungo il succo del limone e lascio cuocere per altre 2 minuti
Verso la marmellata bollente nei vasetti caldi, li chiudo, li giro sotto sopra ed e fatta, li conservo in dispensa